Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Ampi spazi aperti, natura incontaminata, scorci inediti e cucina di pesce freschissimo. Il litorale di Caorle, in Veneto, regala ai suoi visitatori un lato meno conosciuto, fatto di panorami sempre diversi che si susseguono dalla laguna al borgo storico, passando per dune sabbiose, pinete secolari e aree naturalistiche protette. Un territorio da vivere tutto l’anno in bicicletta, specialmente in autunno, quando le miti giornate di sole rendono piacevole l’attività all’aria aperta, dando la possibilità di intraprendere lunghe pedalate e non solo. Una proposta di turismo slow che combina sport lenti come il cicloturismo, la camminata, la canoa o le escursioni a cavallo al mondo dell’enogastronomia, per scoprire la tradizione della pesca e i prodotti locali

ricette tipiche marinare

Da qui parte il progetto Gusta Caorle che punta a far scoprire le specialità tipiche locali di un borgo marinaro, disponibili in gran parte dei ristoranti della zona con le ricette classiche della cucina caorlotta. Piatti senza tempo che valorizzano al massimo le eccellenze del mare, tra cui il moscardino, le vongole e il canestrello bianco. Qualche esempio? Le “sardèe in saòr” (sardine fritte e messe a macerare con olio, cipolla soffritta, sale e aceto), la zuppa di pesce, il cosiddetto “broéto caorlotto”, moscardini in umido coi pomodorini o con polenta, moscardini in salsa verde, spaghetti con le vongole, risotto con canestrelli o spaghetti al nero di seppia.

percorsi cicloturistici

La laguna di Caorle, oasi naturalistica protetta e Sito di Interesse Comunitario, è una delle più vaste dell’Alto Adriatico e custodisce angoli inediti che raccontano una particolare identità storico-culturale: qui vissero i primi abitanti di Caorle, famiglie di pescatori che abitavano i casoni, tipiche strutture in legno e canna palustre ancora oggi visitabili. In questa zona si estendono numerosi itinerari ciclopedonali che collegano la spiaggia all’entroterra offrendo una prospettiva pittoresca legata al borgo marinaro.

In particolare, il territorio di Ca’ Corniani propone 32 km di tracciato ciclopedonale, facilmente raggiungibile da Caorle e collegato al percorso GiraLivenza, alla scoperta di una delle più grandi aziende agricole d’Italia, tra boschi, edifici storici e vigneti. In un contesto più urbano, costeggiando il litorale caorlotto, sorge invece la ciclabile illuminata che in circa 10 km collega Caorle a Duna Verde, passando per le località di Porto Santa Margherita e Altanea. Mentre nell’area litoranea bonificata di noto interesse ecologico di Vallevecchia, in località Brussa, si possono attraversare – sulle due ruote, a piedi o anche a cavallo – una zona agraria, la pineta, le dune e il litorale sabbioso. Questo territorio, riconosciuto Oasi Naturalistica, si estende per circa 900 ettari ed è delimitato sui quattro versanti da acque marine, lagunari e fluviali: un rifugio per gli amanti della natura, della tranquillità e del birdwatching grazie anche alle apposite altane che permettono di osservare tantissime specie di uccelli stanziali e migratori.

Sport lenti, da vivere a stretto contatto con la natura, dove immensi spazi aperti si prestano a escursioni solitarie, lontane dal traffico e dagli affollamenti, permettendo di godere del giusto relax in ambienti che vantano un grande interesse naturalistico, ecologico e paesaggistico. Attività all’aria aperta che spesso incontrano anche la tradizione agroalimentare caorlotta e permettono di scoprire i sapori tipici locali, di mare e di terra, attraverso esperienze speciali come il pranzo in Casone e la degustazione in cantina, oppure tra i ristoranti e le osterie tipiche del centro storico incluse nel progetto “Gusta Caorle”, garanzia di qualità, accoglienza e gusto.

Condividi la tua passione
Inserisci/Mostra CommentiChiudi i commenti

Leave a comment